Run Dannunziano 2019

Run Dannunziano 2019

Giovedì 9 Maggio ore 9,30 eccoci pronti in concessionaria per la partenza che ci troverà  impegnati nel Run Dannunziano organizzato dagli amici del Pescara Chapter.

Eravamo un pò timorosi per la partenza che dava cattivo tempo, invece la nostra stella ci ha riservato un giorno all’insegna del bel tempo. Imbocchiamo l’autostrada con il gruppo di partecipanti guidato nell’occasione dal ns Assistent Director Carlo, in quanto conoscitore dei luoghi ove transiteremo. Dopo circa 4 ore di moto facciamo pausa a Rimini per riempire il nostro stomaco ormai vuoto. Si riprende la marcia e uscendo ad Ancona, il nostro Road attraversa la città  per imboccare una strada panoramica che attraversa parte del Conero per portarci a Sirolo, ove da una balconata sita nella piazza possiamo dare lustro ai nostri occhi ammirando un panorama mozzafiato della costa sottostante.

Da quelle immagini capiamo che ci siamo finalmente immersi nello spirito avventuristico del nostro Run. Breve sosta e ripartenza verso Civitella del Tronto, paese del nostro Road e meta di cena e pernottamento. Paesino incantevole dove la pace e la bellezza del panorama che lo circonda, in primis lo spettacolo del Gran Sasso d’Italia posto di fronte, ci regala una bella emozione. Cena a base di prodotti locali, dall’antipasto con olive ascolane agli spaghetti alla chitarra con sugo teramano e agnello alla brace con patate, una serata rilassante dopo una cavalcata per certi versi faticosa ma del tutto ripagata. A cena, provenienti dal Run Benvenuti in Paradiso organizzato in costiera amalfitana, ci raggiungono i soci Parolo e Riva con rispettive consorti, nonché Davide partito nel pomeriggio da casa . La mattina successiva partenza per Giulianova dove c’è il ritrovo di tutti i Chapters partecipanti al Run del Gran Sasso, saluti e abbracci già il bottone e con altre 100 moto circa iniziamo il percorso di ascesa a Campo Imperatore, anche qui possiamo ammirare la delizia dei luoghi e dei panorami, giunti ai piedi del Gran Sasso a quota 1800 circa, quasi ci sembra toccarlo e per qualche istante si pensa alla bellezza della natura che ci circonda, ma non c’è tempo abbiamo un pò di fame e dopo aver ricevuto il cestino della merenda contenente gli arrosticini da grigliare sulle apposite strutture già  pronte, consumiamo il pasto in un clima di allegria incontrando gli amici che non si vedono da qualche tempo.

Fa un po’ freddo ma il tempo tiene e dopo le foto di rito con le ns bandiere di appartenenza il serpentone di moto fa rientro a Montesilvano ove ci aspetta un aperitivo di benvenuto, consegna delle patch e sistemazione in albergo. La serata del Venerdì ci porta in una discoteca di Pescara ove seduti a cena al nostro tavolo ci deliziamo della musica e delle attrazioni da parte di ballerine acrobatiche sino a tarda sera. Sabato mattina ci portiamo nella Piazza Centrale di Pescara per allinearci tutti quanti lungo il Corso per la partenza della parata, qui prendiamo atto di essere veramente in tanti, addirittura esagerati, si contano circa 700 Harley Davidson e 900 persone per gli occhi meravigliati dei cittadini presenti i quali danno sfogo alle loro macchine fotografiche e cellulari, percepiamo di essere al centro dell’attenzione come dei divi di Hollywood. Ci aggreghiamo alla colossale parata per un tragitto di circa 40 Km che ci porta a Giulianova dove in uno splendido Hotel sul mare consumiamo il pranzo a suon di musica. La serata finale si consuma all’interno dell’albergo dove soggiorniamo, anche qui serviti e riveriti a tavola si mangia si balla sino a tarda sera.

La stanchezza inizia a farsi sentire e dopo aver salutato decine e decine di amici Biker, nonché il mitico Vittorio autore dello splendido Run Dannunziano trascorso, si va a dormire. Il giorno della partenza, come previsto, ci riserva la pioggia che abbastanza sottile nei primi Km trascorsi, si abbatte furiosamente nell’avvicinarsi a Bologna scatenandoci una valanga di acqua che da grandi Biker riusciamo a domare. Un piatto di pasta a Fidenza e via, stavolta all’asciutto, verso casa. Che dire un Run fantastico con amici fantastici, tante emozioni ma soprattutto tante risate. Legnano Chapter, insuperabile Chapter. Grazie agli organizzatori e a chi nel Chapter si dedica a far si che il divertimento e l’aggregazione sia la cosa primaria per la nostra passione.

Gianfranco ‘Sceriffo’ Ferri